Jean-Jacques Rousseau, Filosofo svizzero 1712 Ginevra -1778.  - Concorso insegnanti ed educatori Comune di Roma

Vai ai contenuti

Jean-Jacques Rousseau, Filosofo svizzero 1712 Ginevra -1778. 

Pedagosti Educatori
Jean-Jacques Rousseau  Ginevra, 28 giugno 1712Ermenonville, 2 luglio 1778) è stato un filosofo, scrittore e musicista svizzero.
Nato da un'umile famiglia calvinista di origine francese, ebbe una giovinezza difficile ed errabonda durante la quale si convertì al cattolicesimo (per poi tornare al calvinismo e approdare infine al deismo), visse e studiò a Torino e svolse diverse professioni, tra cui quella della copia di testi musicali e quella di istitutore.Trascorse alcuni anni di tranquillità presso la nobildonna Françoise-Louise de Warens; quindi, dopo alcuni vagabondaggi tra la Francia e la Svizzera, si trasferì a Parigi, dove conobbe e collaborò con gli enciclopedisti. Nello stesso periodo iniziò la sua relazione con Marie-Thérèse Levasseur, da cui avrebbe avuto cinque figli. Il suo primo testo filosofico importante, il Discorso sulle scienze e le arti, vinse il premio dell'Accademia di Digione nel 1750 e segnò l'inizio della sua fortuna.
Sua opera pedagogica l'Émile




 
Jean-Jacques Rousseau,
Schema riepilogativo di Riccio
 
Jean-Jacques Rousseau,
mappe e schemi riassuntivi

 




Breve riassunto su Rausseau.
FAsi di sviluppo di Emilio.
Paolo Bianchini professore di Storia della Pedagogia (Università di Torino) racconta l'Emilio di Rousseau
Torna ai contenuti